IntervisteMedici

Intervista: Dott.ssa Elisa Di Coscio

Specialista in Neurologia , Esperta in medicina del sonno

Gli italiani e l’insonnia

Gli italiani insonni oscillano fra i 12 e i 15 milioni.

Quasi il 52% di questi non si cura.

Numeri impressionanti, ma per imparare a dormire bene esistono delle regole, ma prima di tutto è fondamentale imparare a vedere l’insonnia come un disturbo risolvibile.

Dott.ssa Di Coscio, che patologie del sonno esistono?

I disturbi del sonno sono classificati secondo la “International Classification of Sleep Disorders” in: insonnia, disturbi respiratori in sonno tra cui la sindrome delle apnee ostruttive, ipersonnie di origine centrale, disturbi del ritmo circadiano, parasonnie (es. sonnambulismo) e disturbi del movimento correlati al sonno come la “sindrome delle gambe senza riposo”.

Che cosa è l’insonnia?

L’insonnia è definita

“esperienza di sonno insuffciente o di scarsa qualità”

per la comparsa dei seguenti sintomi: difficoltà ad iniziare e/o mantenere il sonno, risveglio precoce al mattino e sensazione di sonno non ristoratore.

Spesso comporta conseguenze diurne come fatica, mancanza di concentrazione e sintomi somatici ed affettivi quali irritabilità, abbassamento del tono dell’umore ed ansia.

Può essere classificata come acuta o cronica se persiste meno o più di 4 settimane, più o meno grave sulla base della frequenza e definita iniziale, centrale o terminale per le modalità di presentazione nel corso della notte.

Può essere primaria o secondaria se associata a assunzione o sospensione di farmaci o ad altri disturbi del sonno come la sindrome delle apnee ostruttive o la sindrome delle gambe senza riposo.

insonnia come curarla
insonnia come curarla

Quante persone ne soffrono?

Si stima che il 25-35% della popolazione adulta soffra di insonnia transitoria ed occasionale mentre il 10-15% sarebbe affetto da una forma cronica, maggiormente rappresentata nel sesso femminile e nell’età avanzata.

L’insonnia resta comunque una patologia sottovalutata e poco diagnosticata: gli studi Morfeo hanno rivelato che circa la metà dei pazienti insonni non riferisce il problema al proprio medico ed che il 52% degli affetti non adotta alcun rimedio.

Come si può guarire?

Un efficace trattamento dell’insonnia richiede un corretto inquadramento diagnostico che si può ottenere solo con un’anamnesi accurata e la compilazione di diari del sonno e di questionari.

Qualora si sospetti un’associazione con altri disturbi del sonno o in soggetti che non rispondono alle terapie è necessaria la registrazione polisonnografica.

La terapia dell’insonnia associa al trattamento farmacologico, quello non farmacologico e con il paziente debbono essere esaminati e discussi tutti quei comportamenti che possono favorire od ostacolare un riposo ottimale.

Ci dà cinque consigli per dormire bene?

1. Mantenere orari regolari per coricarsi ed alzarsi dal letto.
2. Evitare l’utilizzo di caffeina ed altre sostanze stimolanti nelle ore serali.
3. Non prolungare il sonnellino pomeridiano per più di 20 minuti.
4. Non rimanere a letto svegli.
5. Per dormire utilizzare solo il letto evitando di guardare TV o di leggere libri.

Tags
Show More

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close